Messari Boss Nomi 10 Tendenze di crittografia chiave per il 2021

Messari Boss Nomi 10 Tendenze di crittografia chiave per il 2021

18. Dezember 2020

Le autorità di regolamentazione potrebbero fare più di quanto non possano fare se decidono di esagerare con la regolamentazione dei criptogolamentazione, le banche centrali aumenteranno inavvertitamente il valore del cripto nel 2021 e l’Ethereum (ETH) rimarrà la piattaforma da tenere d’occhio l’anno prossimo: Queste sono alcune delle conclusioni di un nuovo rapporto dell’importante società di ricerca Messari, con sede negli Stati Uniti, che si aspetta un nuovo boom della crittografia all’alba del nuovo anno.

Il rapporto, redatto dal fondatore e CEO dell’azienda, Ryan Selkis, afferma che Messari ha identificato la „Top 10 delle tendenze che stiamo seguendo“ come un sistema di crittografia che si prepara a quello che potrebbe essere il suo anno più emozionante e impegnativo – con il 2020 che volge al termine.

Ecco un rapido sguardo a queste tendenze.

1. Tenete d’occhio il valore reale e quello relativo

Selkis ha scritto che aiuta a pensare alla crittografia in sei categorie: denaro (per lo più valute di prova del lavoro come bitcoin (BTC)), gettoni di piattaforma di contratto intelligente come ethereum (ETH), crypto dollari (stablecoins), gettoni DeFi „cooperativi“, asset pegged & sintetici, e asset Web3/non-fungible token (NFT). All’interno di queste categorie, è utile esaminare quale gettone è dominante e perché. „E anche se la maggior parte degli asset cripto sono correlati, abbiamo iniziato a vedere una chiara separazione di performance nel tempo tra settori e asset con modelli economici reali“, ha detto l’autore.

2. Il valore di BTC è salito – grazie alle banche centrali

Selkis ha detto che la vera storia di Bitcoin Trader è che quest’anno le banche centrali hanno aggiunto miliardi di dollari ai loro bilanci, hanno monetizzato il debito sovrano a livelli record e hanno accumulato livelli record di debito. Se l’amministrazione di Joe Biden riuscirà a far passare un pacchetto di stimolo fiscale incontrollato all’inizio del 2021, „più carburante“ si aggiungerà al „fuoco speculativo intorno al bitcoin e ad altre attività finanziarie e dure“. In caso contrario, le banche continueranno semplicemente a stampare denaro – e in ogni caso, il bitcoin sembra emergere come vincitore.

3. L’Ethereum è un „mercato di tutto“.

Anche se Selkis ha ritenuto che nel rapporto l’ETH non è nemmeno denaro, scrive anche che il „dinamismo“ dell’Ethereum è „innegabile“ ed è ancora la piattaforma da guardare nel nuovo anno. Dice: „È difficile ignorare tecnologie vecchie di cinque anni che elaborano più di mille miliardi di dollari in trasferimenti di valore reale all’anno, una cifra che ha già eclissato quella di PayPal“.

4. DeFi offre una visione di un futuro senza banca

Il capo Messari ha detto che „non sta scommettendo sui regolatori“, ma ha affermato che la DeFi è giustamente ipnotizzata. Solo un „giro di vite normativo dei progetti di mercato più importanti“ potrebbe sperare di rallentare questo juggernaut, che sta attualmente costruendo i blocchi „necessari per alimentare un sistema finanziario completamente decentralizzato e algoritmico“.

5. Il palcoscenico è pronto per gli stablecoins

Anche se il bitcoin rimarrà la valuta digitale più preziosa anche nell’era delle monete digitali della banca centrale (CBDC), „lo stesso non vale necessariamente per l’etereo e il suo male“. I cosiddetti criptodollari su piattaforme cripto e statali supereranno i gettoni della piattaforma in soli due o tre anni, ha scritto Selkis.

6. I mercati del credito cripto sono destinati a crescere

I fornitori di servizi orientati alla vendita al dettaglio „tutti hanno avuto anni di prosperità“ nel 2020, e potrebbero essercene altri in futuro, dato che la disponibilità di „credito collateralizzato a catena sia in DeFi che nei servizi centralizzati potrebbe ridurre seriamente la pressione di vendita nel prossimo mercato in crescita“, ha dichiarato Selkis. Ed è probabile che un’imminente maturazione del mercato del credito criptato renderà questo „il mercato dei tori più liquido che si sia mai visto“.

7. Le offerte finanziarie sintetiche domineranno le onde

„Ogni singolo asset finanziario che si può pensare sarà un giorno legato alla crittografia“, ha sostenuto Selkis, e ci potrebbe essere un argomento a sostegno di coloro – come il governo cinese – che credono nel potere trasformativo della catena di blocco ma non vogliono avere nulla a che fare con i criptoasset.

8. Scambi di crittografia per soddisfare le loro esigenze – o diventare ancora più grandi

Gli scambi, ha detto Selkis, sono i gorilla di 800 libbre in crypto. „Fanno tutti i soldi, toccano tutti gli utenti e hanno le dita in tutto“, ha scritto. Come tali, ora sono nel mirino di tutte le parti del mercato. Ma piuttosto che „scommettere contro di loro“, l’amministratore delegato ha dichiarato che „si aspetta che diventino ancora più aggressivi riguardo all’espansione inorganica“ mentre i loro redditi iniziano a „ruotare al di là delle commissioni di negoziazione“.

9. Le NFT avranno presto il loro momento

Selkis ha scritto che compra la teoria che „quasi ogni tipo di NFT costruito fino ad oggi è in grado di ottenere trazione alla fine“ in quanto questi token sono „i veri elementi critici di un internet più aperto“.

10. I regolatori possono provocare un forte contraccolpo se non stanno attenti

Mentre i regolatori di Washington e di altre parti del mondo si fanno sempre più pesanti nel loro approccio al mercato dei cripto, corrono il rischio di alienare la comunità dei cripto, al punto che „alcuni di noi cominceranno a pensare all’uscita definitiva: come ricostruire uno Stato-nazione ispirato ai criptografi“.

Posted in Bitcoin